d
Follow us

Studio Fabio Zucconi

  >  Società sportive   >  I COMPENSI DI LAVORO SPORTIVO AL PRESIDENTE E AI MEMBRI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

I COMPENSI DI LAVORO SPORTIVO AL PRESIDENTE E AI MEMBRI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

image_pdfStampa il pdf

CONTENUTO IN Sport-Update – Newsletter n. 3/24 – 28/2/2024

  1. Premessa

Uno dei temi che ha fatto discutere chi si occupa di Riforma dello Sport fin dalla sua entrata in vigore è quello relativo alla possibilità di erogare compensi di lavoro sportivo a chi detiene la carica di presidente o di consigliere all’interno dell’organo amministrativo di un ente sportivo dilettantistico[1]. Il nostro studio, ogni qual volta ha dovuto fornire consulenza sul tema, ha affermato che bisogna tenere distinta l’attività svolta in esecuzione della carica sociale detenuta[2] da quella di carattere sportivo che eventualmente venga contemporaneamente esercitata[3] ed ha sempre sostenuto la possibilità di erogare compensi nella forma della collaborazione coordinata e continuativa per remunerare l’attività sportiva svolta dal membro del consiglio direttivo[4].

Recentemente è finalmente arrivata una conferma ufficiale[5] a questa tesi e quindi approfittiamo di questa occasione per analizzare in maniera approfondita la questione dei pagamenti che l’ente sportivo dilettantistico può fare per remunerare l’attività svolta a suo vantaggio dal presidente e dai membri dell’organo amministrativo.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati al servizio SPORT-UPDATE. Per informazioni e richieste di abbonamento inviare mail a segreteria@studiofabiozucconi.it