d
Follow us

Studio Fabio Zucconi

  >  Società sportive   >  L’ORGANIZZAZIONE DEI CENTRI ESTIVI DA PARTE DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI DOPO LA RIFORMA DELLO SPORT – parte 2 – i compensi agli addetti del centro estivo

L’ORGANIZZAZIONE DEI CENTRI ESTIVI DA PARTE DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI DOPO LA RIFORMA DELLO SPORT – parte 2 – i compensi agli addetti del centro estivo

image_pdfStampa il pdf

CONTENUTO IN Sport-Update – Newsletter n. 7/24 – 16/4/2024

  1. Premessa

Proseguiamo[1], nell’analisi delle problematiche connesse all’organizzazione di un centro estivo da parte di un ente sportivo dilettantistico attraverso l’approfondimento del regime fiscale da applicare ai compensi erogati ai soggetti che operano in qualità di istruttori o in generale di operatori del centro estivo.

Infatti, come oramai è ben noto, fino al 30 giugno 2023 è stato possibile remunerare i soggetti che svolgevano attività nell’organizzazione e l’attuazione del centro estivo come collaboratori sportivi[2]. Oggi, con l’introduzione della nuova normativa, è diventato molto più difficile inquadrare questi soggetti come lavoratori sportivi. A differenza del collaboratore sportivo, per cui non era necessario svolgere particolari adempimenti[3], né esistevano limiti ben definiti per l’individuazione della mansione da svolgere [4], la nuova figura del lavoratore sportivo ha dei limiti ben precisi e dei confini ben delineati.

Il problema principale da affrontare in questo contesto risiede nell’interesse a poter considerare non imponibili a tassazione i compensi erogati ai soggetti che svolgono attività nel centro estivo usufruendo delle franchigie da imposta e contributi previdenziali previsti per i lavoratori sportivi[5]. Per ottenere questo risultato con la nuova normativa è necessario che i soggetti che operano nel centro estivo possano essere qualificati come lavoratori sportivi. Diversamente dovrebbero essere inquadrati come volontari sportivi o come lavoratori ordinari. Vediamo ora analiticamente quali sono le caratteristiche che deve avere un operatore di centro estivo per poter essere qualificato come lavoratore sportivo e quali sono invece i compensi che possono essere erogati ed il loro trattamento fiscale nel caso dell’inquadramento come volontario sportivo o come lavoratore ordinario.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati al servizio SPORT-UPDATE. Per informazioni e richieste di abbonamento inviare mail a segreteria@studiofabiozucconi.it